Archive for ‘Storia’

25 luglio 2017

Al Cassero “Un brindisi tra storia e realtà”

Per l’occasione del completamento dei lavori di restauro dei giardini “Il Cassero”, l’amministrazione comunale è lieta di invitare tutta la cittadinanza ad un incontro conviviale per festeggiare l’evento. L’inaugurazione si terrà domenica 30 luglio alle ore 21:15 e al suo interno saranno anche consegnate delle targhe come ringraziamento per l’impegno profuso in questi anni al servizio del parco cittadino.

12 aprile 2017

Cesare Serafini: il triangolo dell’amore

26 febbraio 2017

VIDEO MONTECORRIERE: Chiesa Santissima Annunziata

26 gennaio 2017

Le spericolate acrobazie del montecosarese Pio Bruscantini nel film “Un pilota ritorna” di Roberto Rossellini

16143209_1096112523850952_8610265273232930744_nCertamente non si può dimenticare il film d’aviazione girato dal compaesano Pio Bruscantini che, insieme ad altri spericolati piloti, si distinse in una pellicola diretta dal grande regista Roberto Rossellini (1942). Pur essendo un film del periodo fascista non fu apertamente di propaganda, ma con qualche accenno intimistico di neorealismo, anche se ebbe un certo successo soprattutto grazie alle spettacolari scene di guerra aerea. Il protagonista, anch’egli marchigiano (nato a Mogliano) era il famoso attore Massimo Girotti, al quale Pio impartiva lezioni di volo, insegnandogli i movimenti, le posizioni e gli atteggiamenti da assumere durante le pur pericolose finzioni sceniche.

read more »

24 gennaio 2017

La chiesa di San Rocco

san-rocco

read more »

29 dicembre 2016

Stanislao e Rosa

marc1Stanislao Marcantoni (1876 – 1961) da ragazzo fa il cocchiere a Jesi presso un conte. Incontra Rosa Garbuglia (1881 – 1962), originaria di Civitanova e, nel 1910, la sposa. Si stabiliscono a Montecosaro, in via Cavour n°41, zona Casseretto/Lo Vallo’ e fanno cinque figli: Fidalma, Maria (mamma di Don Angelo Lelli), Marino, Armando (padre di  Valerio, Claudia, Pier Alberto e Loris) e Mario (per tutti Corrado). Inizialmente trova lavoro presso una fabbrica di chiodi che si trovava nei pressi dell’attuale Teatro delle Logge. La fabbrica cessa l’attività e Stanislao inizia a fare lavori più autonomi, come il trasportare carbone con il somaro e il fare lavori giornalieri in campagna presso agricoltori.

read more »

16 settembre 2016

Quando Carlo Azeglio Ciampi venne a Montecosaro

giuseppe-giuggioloniEra un giorno di febbraio del 1953 quando Carlo Azeglio Ciampi venne a Montecosaro in qualità di dirigente della Banca d’Italia, sezione di Macerata. Il suo compito era quello di effettuare una regolare ispezione nelle varie banche della Provincia. Ad accoglierlo fu soltanto Giuseppe Giuggioloni (nella foto) unico impiegato. Allora la sede della banca “Cassa Rurale ed Artigiana” (così si chiamava l’attuale “Credito Cooperativo”) si trovava all’interno della sua abitazione dove viveva con la moglie Francesca (Checca) e la figlia Clara in piazza Garibaldi (“Lo Spiazzetto”). Naturalmente, la gestione dei conti era in perfetta regola, tanto da ricevere i vivi complimenti da parte di Ciampi. Il quale, nel tempo, divenne Governatore della Banca d’Italia, Primo Ministro e Presidente della Repubblica. Evidentemente, Montecosaro … porta bene!

read more »

9 agosto 2016

Ottimo successo per la prima edizione di “Magnacorta”

13987756_10206988949018560_1649458343_oMontecosaro. Al via la prima edizione di “Magnacorta” una manifestazione che ha, attraverso la sinergia di Amministrazione, Associazione Commercianti e Pro Loco, riscosso un meritato successo con il tutto esaurito. Si ringrazia per questo coloro che hanno partecipato a questa prima interessante edizione. Un grande ringraziamento va poi al professor Manni che ha illustrato e spiegato le bellezze di Montecosaro e al professor Stefoni col quale ci si è immersi nel mistero delle stelle e nel fascino dei pianeti. Soddisfatti gli organizzatori che vi danno appuntamento alla prossima edizione.

read more »

25 luglio 2016

Grande successo per “Montecosaro si racconta”

giardino casa di riposo“Montecosaro si racconta” è stato un successo inatteso ed una novità nel campo delle manifestazioni montecosaresi. numerosa è stata la  presenza di pubblico che si è lasciato trasportare dagli organizzatori in un percorso emozionale, tra le immagini ed i ricordi di una vita passata. Intensa è stata la partecipazione al commento delle immagini, creando una storia di un paese narrata dai protagonisti, quindi centrando l’obiettivo di “Montecosaro si racconta” che era quello di uno spettacolo interattivo in cui il pubblico presente fosse il protagonista. La parte storica è stata curata e  seguita da Fabrizio Quattrini che ha anche accennato ad una ricerca sui soprannomi montecosaresi, con la promessa di dedicare una delle prossime edizioni a questo tema.

read more »

17 febbraio 2016

Amarcord telefonico

_mail_roberto_telefonoDal 1923 al 1964 (nelle Marche) c’era la “Timo” (Telefoni Italia Medio Orientale) poi, dal 1964 al 1994 è stata la volta della “Sip”, quindi della “Telecom”, fino allo scorso 13 gennaio, quando ha adottato il marchio unificato “Tim”, ovvero i telefonini hanno avuto la meglio sui telefoni. Il primo telefono nella casa di un italiano appartenne a un certo signor Giovanni Uberti di Roma, era il 1881 e gli dettero il numero 1. Nel 1936 si raggiunse il traguardo di un abbonato ogni cento abitanti. Ma la vera diffusione avviene nel primo dopoguerra, anche se le tariffe erano altissime. Spariscono la manovella di chiamata e la pila, gli apparecchi sono installati a muro e per parlare si deve stare in piedi.

read more »