Archive for ‘– Le note di Paolo’

8 dicembre 2017

Lettera ad un amico vero

A distanza di sei anni, Paolo Marinozzi ha voluto ricordare il suo amico professor Gian Mario Perugini con dei pensieri scritti a pochi giorni della sua scomparsa. Pensieri che sono anche stati inseriti nel sito dello studio commerciale del professore www.studiogmperugini.it.

read more »

Annunci
7 dicembre 2017

Il campo sportivo di viale della Vittoria cento anni fa e quella strana atmosfera…

Probabilmente questa è tra le più antiche fotografie scattate al nostro campo sportivo. Siamo negli anni venti, quando ancora non erano stati piantati gli alberi intorno e fissati i paletti in cemento con la rete di protezione. Inoltre, si possono notare in primo piano i solchi lasciati dalle ruote dei carri e birocci che tutti i giorni transitavano dalla vicina campagna.

read more »

20 novembre 2017

Una fabbrica di lampadari nella Montecosaro dei primi del novecento

Lo sapevate che a Montecosaro c’era una volta la fabbrica di lampadari? Era l’anno 1914 quando Gaetano Gentili nella sua abitazione di via Saffi 46 (attuale residenza di Alessandra Massari) aveva creato un piccolo laboratorio di lampadari da chiesa. Tutti in cristallo di Boemia di prima qualità, realizzati “a pallone” (stile romano) o “a fusto” (adorni di catene e prismi). I lampadari più economici erano eseguiti con materiali robusti, di ottimo effetto, con braccioli in ferro, fogliame di latta dorata, fasce di ottone lavorato. Mentre quelli di qualità superiore, erano di grandi proporzioni, maggiormente ricchi, con braccioli di bronzo dorato, adattati anche per le candele ad illuminazione elettrica che da poco tempo era diventata abituale nel nostro paese.

read more »

13 ottobre 2017

La scuola del Cavallino

Fino ai primi anni sessanta nella campagna montecosarese c’era ancora la Scuola Elementare. Questa della Contrada Cavallino, quella del Castellano e quella di San Savino. Nella foto, gentilmente messa a disposizione da Enrica Di Marco, si possono riconoscere gli alunni della cosiddetta “Pluriclasse” del Cavallino. Quando scolari di età e classe diversa dovevano convivere in un’unica aula con la stessa maestra. In questo caso, si tratta dell’insegnante Luisa Spernanzoni. I bambini invece sono: Anna Maria Boccanera, Peppe Ercoli, Marisa Ripari, Luana Foresi, Delia Pietrella, Brunella Loretani, Flora Foresi, Angela Boccanera, Erminia Di Marco, Pasquale Nicoletti, Dario Ripari (?), Bruno Loretani, Enrica Di Marco, Albino Nicoletti (?),  Franco Squadroni, Giuseppe Doria, Elio Fiorani, Giuseppe Rapari e Maria Pia Evangelisti.

read more »

13 ottobre 2017

Franco Boschi: un grande ciclista montecosarese

Franco Boschi, detto Busco, è stato il più grande ciclista di Montecosaro. Come dilettante vinse numerose corse, tra cui la Coppa Notari a Loreto, la Coppa San Marone a Portocivitanova, la Perugia-Amelia, la Coppa Lancione a Camerano, la Coppa Santucci a Perugia, la Coppa Evengelisti sempre a Perugia. Nella Coppa Annibali a Jesi riuscì a vincere battendo fior di corridori come Vito Taccone e Livio Trapè. Mentre nella prestigiosa Coppa Sabatini a Peccioli in terra Toscana si classificò al terzo posto dietro a campioni come Bitossi e Zilioli. Fu anche campione marchigiano nei dilettanti, oltre a campione provinciale e regionale nella categoria veterani. Inoltre ha vinto due Giri delle Marche, tre campionati regionali a cronometro a squadre, con un totale superiore alle sessanta vittorie. Tra cui il Campionato Europeo, con un secondo posto nel titolo italiano.

read more »

13 ottobre 2017

Carlo Perugini: un campione di motociclismo di origini montecosaresi

Carlo Perugini, un grande campione che pochi ricordano. Nato a Recanati, ma di origini montecosaresi, insieme a Franco Uncini ha infiammato i tifosi delle due ruote negli anni settanta. Carletto, come ancora lo chiamano tutti, ha debuttato a Misano nel 1974. Ha disputato numerose gare in tutte le classi motociclistiche, correndo per importanti case di quel periodo: Laverda, Ducati, Suzuki, Sanvenero. I suoi rivali erano campioni del calibro di Agostini, Ferrari, Cereghini, Uncini, Roberts, Mamola, Lucchinelli, Lansivuori, Cecotto, Katayama, Rossi (Graziano, il papà di Valentino). Tra le sue vittorie più prestigiose ricordiamo due gare del “Campionato Junior” del 1977 a Vallelunga e Misano, dove si è anche aggiudicato “La 4 ore” e soprattutto la conquista del titolo italiano nella prestigiosa classe 500 (oggi moto GP) ottenuta nel 1979. Ciao Carlè, ti aspetto sempre per regalarti il libro con le tue imprese.

read more »

13 ottobre 2017

Il campanone sale nuovamente sulla torre civica: la voglia di riscatto dei montecosaresi

Deve essere stato un gran bel giorno quello di settant’anni fa quando, in una bella mattinata, i nostri concittadini hanno visto salire nuovamente in alto sulla torre civica il loro campanone. Erano passati più di cinque anni senza poter ascoltare quel suono amico della comunità. A causa della guerra il precedente campanone venne demolito per ricavarne il bronzo a scopo bellico. Fu grazie alla generosità di tanti Montecosaresi che si riuscì a rinnovare la bellissima tradizione civile e religiosa. Proprio a loro voglio dedicare questa meravigliosa fotografia che simboleggia la voglia di riscatto e rinascita della nostra gente.

read more »

13 ottobre 2017

I falegnami montecosaresi

Falegname: la parola stessa indica con precisione il significato della professione. Un tempo ce n’erano tanti nei nostri paesi. Come ogni artigiano dell’epoca, eseguivano il lavoro esclusivamente a mano. Nel caso specifico, gli strumenti più utilizzati erano la sega per tagliare e la pialla per levigare il legno. A Montecosaro, ne ricordo diversi: Ugo, Basso e Arnoldo Bassi, Angelo Rogani (Trambola), Adriano Piolo, Enzo Angeletti, Augusto Garbuglia, Benito Lelli, Gaetano Giusepponi, Giovanni Garbuglia (Zippo), Guglielmo Serafini (Ciaccalappe), Siro e Mario Capponi, Mario Marinelli, Fulvio e Roberto Gattari (Lo Carino).

read more »

13 ottobre 2017

Giovanni, Luisa e i collaboratori del ristorante “La Luma”

Questa fotografia rappresenta un simbolo positivo della realtà Montecosarese degli ultimi tempi. Siamo alla fine degli anni Settanta, quando Giovanni e Luisa Bartolini decidono di tornare in paese dopo una lunga esperienza nel mondo della ristorazione vissuta tra Lugano e Roma. A Montecosaro aprono nel 1977 il ristorante “La Luma” che gestiranno per quasi quarant’anni. Qui sono passate intere generazioni di clienti con battesimi, comunioni, matrimoni. Pranzi e cene di ogni genere, sempre caratterizzate da specialità cucinate dallo chef Giovanni e servite dalla caposala Luisa. Un mix di gusto e classe che ha portato il locale ad essere considerato tra i più prestigiosi della nostra regione.

read more »

4 settembre 2017

Il mio amico Angelo Scocco

Nella mia vita ho avuto la fortuna di incontrare alcune persone speciali. Angelo Scocco era sicuramente uno di questi. Ci siamo conosciuti da bambini, io il figlio del padrone lui quello del contadino. Ma per noi non è stato mai un problema, anzi abbiamo subito fatto amicizia. Ogni volta che ci incontravamo, in campagna o in paese, era una festa. Siamo rimasti sinceramente amici anche quando crescendo le nostre strade si sono divise e i momenti trascorsi insieme diventavano sempre meno frequenti. Ma non per questo il nostro sentimento di profonda stima e amicizia ha mai smesso di esistere. Manifestato in ogni modo: con biglietti di auguri o telefonate di cortesia. 

read more »