Bozza Decreto Legge: mascherina anche all’aperto e proroga dello stato di emergenza

Nel testo del decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri nel primo pomeriggio, (LEGGI LA BOZZA DEL DECRETO) e che sarà pubblicato questa sera nel Gazzettino Ufficiale, oltre ad estendere lo stato di emergenza fino al prossimo 31 gennaio 2021, in considerazione del trend in crescita dei contagi, si contempla l’obbligo di portare con sé la mascherina che andrà indossata sempre, oltre che al chiuso, anche all’aperto, salvo situazioni che consentano il distanziamento sociale.

La conferma dell’obbligo viene dallo stesso ministero della Salute che in una nota ai giornalisti ha sottolineato che “Ci sarà l’obbligo di indossare la mascherina in tutti i luoghi all’aperto ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”.

Restano esclusi dall’obbligo:

  1. i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
  2. i bambini di età inferiore ai sei anni;
  3. i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.

Il decreto stabilisce poi che le Regioni avranno la possibilità di introdurre misure ulteriori, ma solo più restrittive rispetto a quelle disposte.

L’altra novità della nuova bozza sta nella proroga fino al 15 ottobre dell’attuale Dpcm con le misure dettagliate di prevenzione e controllo del contagio in scadenza oggi e di cui era atteso un nuovo testo già in serata. Se quanto previsto nella nuova bozza sarà confermato, pare evidente che la decisione di prorogare di un’altra settimana la vigenza delle norme attuali sia dettata dalla volontà del Governo di prendere più tempo per la messa a punto delle nuove misure preventive e di controllo in base all’andamento del trend di contagi.

Vengono poi prorogati fino al prossimo 31 ottobre i termini in materia di nuovi trattamenti di cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga.

Sulla continuità operativa del sistema di allerta Covid, viene consentita l’interoperabilità con le piattaforme che operano, con le stesse finalità, nel territorio dell’Unione europea. L’utilizzo dell’applicazione Immuni e della piattaforma, nonché ogni trattamento di dati personali saranno interrotti non più entro il 31 dicembre 2020, ma entro il 31 dicembre 2021. Entro la stessa data tutti i dati personali trattati dovranno essere cancellati o resi definitivamente anonimi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.