Il Centro Studi cerca foto di montecosaresi che hanno combattuto la Grande Guerra

A seguito del successo avuto con la mostra sulla 1^ Guerra Mondiale allestita lo scorso anno dal Centro Studi Montecosaresi nel Palazzo comunale, alcuni concittadini hanno sentito il dovere di ricordare i propri nonni o parenti, che questa guerra hanno combattuto, chiedendo di poter esporre una loro foto, un documento o una medaglia.

Abbiamo accolto con entusiasmo l’invito e ci siamo ripromessi di rivolgere un appello ai montecosaresi che siano in possesso di una vecchia foto dei loro parenti che abbiano combattuto nella Grande Guerra 1915/’18, per aggiungerla alle 115 già in nostro possesso.

L’intenzione è di riproporre l’iniziativa integrando i pannelli con le foto che ci perverranno perché crediamo sia necessario tenere sempre viva la fiammella della memoria soprattutto nei tempi odierni.

Ciascuno di noi ha avuto un avo che ha combattuto o è caduto durante questa guerra e per questo, chi volesse farci avere una foto o un documento di questi nostri cari concittadini, può farlo tramite posta elettronica al seguente indirizzo: studimontecosaresi@libero.it o consegnandola direttamente al presidente che provvederà a farne copia e restituirla immediatamente (338 9190642).

Le foto seguenti ritraggono Castagna Amilcare, Minciacca Angelo e Ottaviani Enrico e sono le uniche di cui siamo in possesso degli 85 montecosaresi caduti e dispersi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.