Il fascino beneducato di “punto d’incontro” Rione Marche

La scienza tecnologica necessita avere fede nella gente perché fa funzionare il tutto meglio. Sono certo che sono decisive le persone. Ti arricchiscono, ti divertono, ti emozionano: assistere a uno spettacolo dal vivo, sia esso prosa musical, concerto, opere o balletto, è un’esperienza che avvicina agli altri e a se stessi. Un bel dono da condividere o da regalarci.

La sera di qualche giorno addietro è stata un mix di entusiaste musiche e canzoni: ritmi travolgenti per cantare storie incancellabili. Il maestro di musica Lorenzo Perugini ha dimostrato anche di saper ottimamente cantare. Il poliedrico Luca Ciarpella e le splendenti Federica Pantanetti e Morena Calvani hanno meravigliosamente trascinato i tantissimi spettatori presenti. E’ stata una serata originale, impareggiabile. E’ ancora fresco e incancellabile nel cuore e negli occhi dei montecosaresi il ricordo dello spettacolo, con la sua facciata che fluttuava al ritmo luminoso dei cantanti e musica e l’immagine dei fasci di luce.

Per la nostra estate è stata il giardino più musicale di “punto d’incontro” Rione Marche nella sua sede a cielo aperto. Ha fatto da palcoscenico al concerto più applaudito della stagione montecosarese. E’ stato uno spettacolo di miglior successo, di certo seducente eseguito dai nostri bravissimi artisti. E’ stata una cerimonia dell’amicizia, del piacere di sognare insieme, dalla gioia di vivere. Lorenzo, Luca, Federica e Morena hanno determinato la condizione, rendendo tutti i presenti immaginare un mondo fantastico.

I nostri artisti hanno lavorato sodo per mantenere la stessa poesia e lo stesso fascino al “punto d’incontro” Rione Marche e, soprattutto, per sorprendere gli spettatori toccando le corde per emozionarli più profondamente. E’ stato un mix di canzoni che tutti vorrebbero sentire e magari a ballare da tanto tempo dimenticato in qualche cassetto. E’ stata l’occasione di portarle sotto un lampione. Le une e le altre “da ascoltare da profondità sonore diverse”.

E’ stato molto bello udire le canzoni e la musica dei nostri eccezionali artisti con cui condividevano il palco: essere lì a seguire gli accenti che danno alle nostre canzoni. Anche perché di base sono volutamente semplici e belle, pochi accordi che si fissano nella nostra mente e hanno portato la nostra attenzione sui contenuti delle magnifiche canzoni. E’ stata tutta altra atmosfera. Chiusura splendida. Tutti gli spettatori sono rimasti basiti.

Giuseppe Perugini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.