Lo callaro

10614264_10203493641601318_9074430992905248985_nSe chedi a quarche joanòtto che d’èra lo callaro,
te guarda co’ l’occhi spiritati e te risponne ‘ncèrto che forse era un’arnese etrusco raro.

La ‘gnoranza de la joentù,
che ha studiato all’università, a òrde po’ èsse anche una granne virtù.

E tu anzianotto
co’ quarche ruca su la fronte
e che oramai porti lo panciòtto,

non vedi l’ora de spiegaglie da vero professonista,
quello che pare e non è, a prima vista:

‘Lo Callaro figli mia, non è nè ‘na pendola, nè ‘na padèlla, è stata l’invenzio’
che c’ià fatto cresce a ripetizio’.

Davandi a lo camì sèmbre acceso,
stava ‘ppiccato su ‘ no gangio teso,

sta specie de ferraccio ‘rrugginito
pieno d’acqua, ma vèllo a vedesse speciarmente se d’èra in rame ben rifinito.

Ce potìi còce la pulènda, li fascioli, lo cece, lo minestro’, la trippa e anche lo vrodetto,
ma duii stà attènto che non se spignjia mae, lo fòco de lo caminetto.

Li sapori non èra quelli d’addè, èra ‘naddra cosa, quanno te mettìi su la taola a magnà, gnisciuna dicia ‘na parola,
a la fine se pigliava un caffè e po’ via sotta le lenzòla,

che la monaca o lo prète avia jà scallato
pe’ fà nasce naddro frico su sto creato.

 

Giorgio Mori – 06/01/2015

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: