Lo Sfollamento

“La canzone degli sfollati”, meglio conosciuta come “Lo sfollamento”, arrangiata ed eseguita dai montecosaresi: Jacopo Scipioni (voce), Luca Ciccarelli (organetto) e Luca Di Bonaventura (chitarra).

Era un noto personaggio civitanovese e un accanito oppositore al fascismo Pietro Cerquetti (1903-1975), detto “Pietruccio”. Come molti suoi concittadini lavorava alla fabbrica Cecchetti, ma aveva una profonda passione e un talento naturale per la poesia dialettale. Nel novembre del ’43 la storia di Civitanova venne tragicamente segnata da un bombardamento, che portò tutti gli abitanti a scappare nelle città vicine. Pietruccio si rifugiò a Montecosaro e lì creò “La Canzone degli Sfollati”, scritta di getto, in un pomeriggio piovoso, su un foglio di carta paglia gialla.

E’ un componimento formato da 9 quartine, in rima, e offre un quadro preciso della realtà sociale e politica di quel tempo. Il commissario prefettizio Martini diede a Pietruccio il permesso di stampare la canzone, ma senza le ultime quattro righe. La parte conclusiva della poesia satirica, infatti, conteneva un chiaro messaggio contro il Duce e il Re e venne censurata. Oggi i versi della sua canzonetta più famosa sono impressi su una lapide, installata nell’area verde davanti alla Pescheria di Civitanova, senza però l’ultima e celebre quartina all’epoca censurata. A seguire il testo della celebre canzone senza “censura”:

LA CANZONE DEGLI SFOLLATI

‘Llajò lo Porto cò lo primo mitrajamendo
Tutti se dà a la fuga prondi a lo sfollamento
Chj se vutta in cambagna chj drendo Citanò
Chj su ‘pe le mondagne o verso Montecò.

Nuaddre ce ‘ttroemo vicino a Tallei:
Su ‘n-letto de du posti dormemo in cingue o in sei
Ce semo rrifugiati a la mejo che se pò
L’urdemi che ‘rvà a casa ha da durmì de fò

‘Na casa de du vani: vendi ne semo troppi
un pochi ‘gna che vaca a durmì sopre li coppi
Perchè tutti ‘llà drendo non ce se pò ‘boccà
Armeno chi va sopre li dendi pò ‘ngioccà

Chj dorme su le vrande e chi sopre le rete
L’acqua ce sta londano tocc’a suffrì la sete
Se anghe li vicinati te la fa caccia
O ‘gna che bei poco o non pò più cucinà

Più bbuffa adè la sera quann’è l’ora de la cena
A ‘posto de la luce ce sta la citilena
Tegne tutte le frosce se ‘ngomingia a fumà
Ce mmascheremo tutti comme che Carnuà

Ma se ‘sta vita angor quarghe semestre
Ce torna mejo a mette su ‘n-circolo equestre
La spesa più grossa sarria da fa ‘n-tennò
Armeno stemo drendo non ‘stemo più de fò

Statemo tra Tallei e la Villa pijapochi
Pare che semo quelli che jemo a ‘fà li jochi
E sse non ge ‘berghesse ‘llo pòro de Quatrì
Saressimo ridutti comme li vorattì

‘Na spece de nuà adè la famija Sacchi
Se ‘rizza la matina ‘dè tutti rutti e stracchi
Dorme tutti-nzème drendo un cammerò
Chi ritti chi sta ciumi ‘dè vendisei perzò!

Quisti d’è li regali che cià fatto lo duce
senz’acqua, senza casa e angora senza luce
proprio immezzo la strada cià vuto vedé
pigliesse un corbo a isso e lo latro de lo ré

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: