CUCINARE LOW COST: Pasta alla Sissy

1185879_10200659028625891_366000750_nBuongiorno a tutti i lettori e lettrici di Montecorriere, l’autunno è alle porte vi propongo, in questo nuovo numero, un piatto che può essere consumato sia freddo che caldo. Si tratta di un’insalata di pollo un po’ rivista, e per questo sono di parte, poi spiegherò il perché. La realizzazione , come per le precedenti, è molto semplice per tutte le “mani” e aggiungo probabilmente per tutte le tasche. Sottolineo sempre che i piatti vengono realizzati con una spesa max di 10 euro e che si tratta di 4 porzioni abbondanti.

INGREDIENTI
– 600 gr di petto di pollo
– 2 carotine
– 120 gr di olive nere senz’osso
– 400 gr di penne rigate
– Olio e sale q.b.

AI FORNELLI
Usare una pentola capiente per bollire il petto di pollo e le carotine. Una volta “lessato” petto e carotine, conservare “l’acqua” per cucinare poi la pasta. Sminuzzare il petto di pollo, tagliare le carotine a pezzettini, e aggiungere le olive. Preparare la pentola con il brodo di petto di pollo e carotine, farlo bollire, aggiungere poi le penne rigate. Una volta finita la cottura della pasta utilizzare una parte dell’insalata di pollo per “condire” la pasta e la rimanente come secondo. Gradita una “spolverata” di parmigiano. Questo è tutto. Buon pranzo.

VINO DA ABBINARE
Pongo l’attenzione a un vino fermo, comunque autoctono proveniente da un ”blend” tra Trebbiano, Verdicchio e Malvasia, le percentuali per questi vini variano un po’ di anno in anno, vi sottolineo che si tratta di uno dei pochi vini biologici (secondo me ben fatto) presenti nella nostra regione con un costo abbordabile di circa 6 euro: il “Fonteascosa” az. vitivinicola Brunori. Un vino che, come quasi tutti i nostri vini, si presenta di colore giallo paglierino, che al naso presenta delle gradevoli note di frutta secca e di aromaticità, in bocca è secco con una persistente nota di mandorla (verdicchio “docet”). Direi proprio gradevole.

Ringrazio Paola Mancinelli (mia moglie) che mi ha gentilmente concesso la ricetta, sottolineo che “purtroppo” è uno dei pochi piatti a base di farinacei, cioè la pasta, che nostra figlia Sissy apprezza, migliorerà sicuramente con il tempo, ne sono sicuro.

Simone Carassai

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: